Concorso a Vicenza

Avevamo già deciso da molto tempo di partecipare alla Rassegna musicale di Vicenza. Noi ragazzi ci siamo esercitati duramente per tutto l’anno, sia nell’orario scolastico che con rientri nei quali abbiamo provato anche assieme al pianista Christian Cosolo. Dopo un paio di settimane e di mesi finalmente eravamo pronti per partecipare al concorso e così, il 2 di maggio ci siamo ritrovati alle 7. 30 di mattina in corriera ad affrontare 4 ore di viaggio. In queste ore ci siamo divertiti tutti a chiacchierare, scherzare  e ad ascoltare musica tanto che ci è sembrato di arrivare a Vicenza nella metà del tempo. Appena lì, ci hanno accompagnati nella sala prove dove abbiamo fatto i soliti esercizi di riscaldamento e rivisto certe cose che ci avrebbero aiutati a suonare meglio i brani proposti. Finalmente toccava a noi ed eravamo, in fondo, un po’ emozionati. Siamo arrivati davanti ai giudici e abbiamo iniziato a suonare. Alla fine della nostra performance eravamo molto contenti di come era andata e anche il professor Di Franco ci ha fatto i complimenti anche se quelli in realtà andavano a lui, che era stato molto attento alle nostre difficoltà nei brani e a nell’aiutarci. Abbiamo avuto l’occasione poi di sentire un altro gruppo concorrente ed era bravo anche se a noi ragazzi sembrava che le canzoni fossero tutte uguali. Alla conclusione del concorso la scuola di Piovene Rocchette è stata molto gentile ad offrirci il pranzo che abbiamo molto apprezzato. Successivamente abbiamo raggiunto la città di Vicenza per visitarla. Lì, la guida ci ha raccontato la storia di Andrea Palladio, l’architettura della città e abbiamo visitato il teatro olimpico, una vera meraviglia. In questo teatro c’erano molte statue e, sul palco, tre archi dove gli edifici raffigurati sembravano in prospettiva. Abbiamo fatto un giro della città e fermati in piazza, dove abbiamo preso un buonissimo gelato e siamo tornati a casa. Quella giornata era stata veramente carina e avevamo imparato cose nuove pur divertendoci molto e, quando siamo tornati alle 21.00 eravamo tutti contentissimi di tornare a casa e riposarci un po’. Qualche giorno più tardi, il prof. ci ha avvisati che dovevamo tornare a Vicenza per ritirare il premio. Inizialmente si era pensato di mandare solo gli alunni delle terze in rappresentanza del gruppo, ma quando si è saputo che dovevamo suonare altre tre canzoni, abbiamo noleggiato una corriera e siamo partiti tutti il 07 maggio per Vicenza. È stato un grande successo riuscire a noleggiare la corriera e effettuare il pagamento in due giorni tra i quali il weekend. Per questo bisogna ringraziare tutti i genitori degli alunni interessati per l’efficienza, la rapidità e soprattutto per la disponibilità e alcuni in più per l’organizzazione di tutto e per l’accompagnamento alla gita. Partiti alle 16.30, siamo arrivati come al solito un po’ in anticipo sull’orario per riscaldarci, provare e andare in scena. Questa volta ci siamo esibiti sul piccolo palco della scuola e il giudizio dei giudici era: “ Brani abbastanza semplici ma suoni lineari e omogenei”. All’ inizio ci siamo rimasti un po’ male perché ci avevamo messo molto impegno e fatica, ma alla fine ci siamo tirati su di morale. Alla fine dello spettacolo ci aspettava un piccolo buffet che ci siamo divorati per la grandissima fame che ci avevano procurato il viaggio e la tensione. Risaliti in corriera però non eravamo per niente stanchi perché il divertimento è continuato e anche le chiacchiere erano ancora molto presenti. Siamo arrivati davanti scuola verso le 23.45 distrutti. Non vedevamo l’ora di riposarci un po’ e cercavamo di non pensare al faticoso giorno che ci avrebbe aspettato l’indomani. Come ogni anno, alla fine della scuola abbiamo presentato poi un piccolo concerto nella palestra ai genitori e agli alunni che non avevano partecipato al concorso. Anche se ormai eravamo abituati a suonare davanti un pubblico, l’emozione non è mancata soprattutto per delle ragazze che hanno anche cantato Memory, la celebre canzone del musical Cats di Broadway. Alla fine dell’esibizione il prof. Di Franco ci ha premiati per aver partecipato al concorso di Piovene Rocchette e anche i ragazzi per il concorso del Certamen di Staranzano. Con quest’ultima esperienza bellissima purtroppo finita, è finita anche la scuola e per altri concorsi bellissimi dovremmo aspettare il prossimo anno scolastico. Anche se noi delle terze non ci saremo più, siamo tutti sicuri che il prof. darà altre bellissime opportunità ai ragazzi che speriamo si divertiranno come lo abbiamo fatto noi in questo bellissimo anno. Alla fine di questa esperienza bellissima dobbiamo fare un enorme ringraziamento al professor Michele Di Franco che ha reso possibile una così bella opportunità che ognuno di noi ricorderà sempre. Un grande grazie anche agli insegnanti accompagnatori, la professoressa Laura Visintin e il professore Domenico Lauto. Grazie anche al pianista, il maestro Christian Cosolo , all’accompagnatrice delle giovani cantanti, la professoressa Anna Nuovo e a tutti i genitori che sono stati molto disponibili ad aiutarci nell’organizzazione della gita. Speriamo che il professore di musica ci riservi ancora delle esperienze e delle occasioni così divertenti, dove potremo confrontarci con altre scuole della regione. Un grande grazie a tutti!

Francesca Braida












Comments